Archivi tag: sfilata

Attualità by on 20 giugno 2011

Milano Moda Uomo P/E 2012: foto dalla sfilata di Iceberg

Una piccola anticipazione dalla sfilata che si è tenuta oggi alla Pelota di Iceberg. Gustatevi la gallery con tutte le foto live!

 

Attualità by on 20 giugno 2011

Milano Moda Uomo P/E 2012: la sfilata di Trussardi

Il mood. Il viaggio, o meglio l’uomo in viaggio. E’ da questo che trae ispirazione la Maison Trussardi per raccontare l’uomo della primavera/estate 2012. Chi arriva con una 500 Fiat, chi con una lussuosa limousine, chi in bicicletta, chi in taxi: ciascuno viaggia a suo modo, da solo o in compagnia, ma ad accomunare tutti c’è lo stile Trussardi.

La collezione. Una collezione semplice ed essenziale, che si focalizza sulla propria storia e reinterpreta i classici che l’hanno resa famosa soprattutto nel corso degli anni Ottanta. Gli abiti sono a doppiopetto con le spalle destrutturate, e grazie all’assenza di fodera e al materiale leggero e morbido con cui sono cuciti, il lino o la seta, perdono l’idea di rigidità a favore di un eleganza confortevole e comoda; i pantaloni, non facili da indossare per tutti, hanno la vita alta e le pences, come sembra ormai essere la tendenza del prossimo anno. Le giacche monopetto in nappa sono accompagnate da t-shirt a micro fantasie, che riprendono motivi e tessuti originali prese dall’archivio storico della Maison. Non mancano la tuta (color cipria), la giacca con tasche applicate, il soprabito classico dalla vestibilità morbida – con maniche raglan e collo camicia, realizzato in suède leggerissimo color cioccolato o rosa salmone, oppure in cotone, con colletto e dettagli a contrasto in cocco marrone. Originali i pantaloni e i bermuda in nappa, la canotta traforata blu elettrico, sempre accompagnati dagli accessori in pelle, vero must di Trussardi.

 

I colori. Blu, bordeaux, cioccolato, blu cobalto, bluette, blu elettrico, cipria, pesca, salmone grigio melange.

 

I tessuti. Pelle, nappa, suède, seta, lino, cotone.

 

Gli accessori. Valigie rigide in tessuto canvas con dettagli in vacchetta naturale, valige semi rigide, borsoni, sacche da indossare a tracolla, zaini e shopping bag tutte in pelle o pelle traforata; mocassini.

 

Curiosità. La collezione uomo primavera/estate 2012 è la prima ad essere presentata sotto la direzione creativa di Umit Benan Sahin, che ha da poco preso in mano il timone stilistico della Maison che, proprio quest’anno, festeggia i suoi primi cento anni. La sfilata è stata pensata come un vero e proprio happening a Palazzo Trussardi, subito dietro il Duomo: i modelli arrivavano con le auto e facevano il loro ingresso nella venue del Palazzo. Immaginate quante centinaia di curiosi si siano assiepati lungo i marciapiedi per cogliere qualche scampolo di sfilata, e quanto non sia stato semplice gestire un evento del genere con il traffico di Milano: tutto è filato alla perfezione, e devo dire che questa è stata decisamente una delle sfilate più originali a cui abbia mai assistito.

Tutte le foto: E.Schiavon ©

Attualità by on 20 giugno 2011

Milano Moda Uomo P/E 2012: la sfilata di Missoni

Il mood. Manca circa un anno al via dei giochi olimpici in calendario a Londra per il 2012, ed è  a questo che guarda la storica Maison italiana – oltre che alla sua storia: Ottavio Missoni è stato un atleta olimpico ed ha una grandissima passione per l’atletica- per interpretare la collezione uomo per la prossima primavera/estate 2012. E trae ispirazione dalla tuta in maglia blu pavone che creò proprio in occasione delle Olimpiadi del 1948 per la squadra olimpica italiana.

 

La collezione. Colorato, informale, libero da costrizioni e tessuti che ne limitano i movimenti: così Missoni interpreta il suo uomo. Abiti confortevoli, morbidi, che lasciano l’uomo libero di muoversi senza costrizioni. Il classico abito da uomo è  trasformato  dalla maglia e realizzato in tinta unita, con giacca destrutturata a due bottoni, pantaloni morbidi, sia lunghi che corti. in  un  contemporaneo  insieme tinta unita. La giacca a due bottoni non costringe e si sostituisce ai classici giubbini; al massimo si può aggiungere all’ensamble un parka di tessuto tecnico antivento, stretto da una sottile coulisse in vita. Coulisse che diventa motivo decorativo anche sugli shorts, da cui fa capolino sull’orlo. Innumerevoli fantasie, melange (il marchio di fabbrica Missoni), textures e punti rendono il tracksuit sempre diverso e adatto a molteplici occasioni. Uno stile intramontabile.

 

I colori. Blu navy e inchiostro, turchese, marrone minerale e khaki, arancio bruciato, rosso ciliegia, rosso geranio.

 

I tessuti. La classica maglia, che va a costruire maglie, leggeri pullover, golf, shorts, cashmeres, lini grezzi e melanges di cotone e acciaio, crepe di cotone e cotone elasticizzato.

 

Gli accessori. Nascono dalla collaborazione con Converse, che ha creato per l’occasione un’edizione speciale della sua sneacker da corsa Auckland Racer, le scarpe che hanno indossato i modelli per lo show. Anche qui mille varinti di colori, melange, texture e punti differenti.

 

Curiosità. Tra i vip presenti alla sfilata la bellissima Filippa Lagerback. La sfilata si è svolta alle 20 e anche qui, come già in occasione della sfilata di Roberto Cavalli, il tempo è stato clemente. Non vi è stata ombra di pioggia, nuvole o mal tempo a guastare lo spettacolo nella suggestiva location del chiostro delle Officine Napoleoniche: e meno male, dato che molti ospiti sedevano all’aperto e che la sfilata si muoveva con fluidità tra l’interno e l’esterno dell’edificio.

 

Tutte le foto: E.Schiavon ©

Attualità by on 18 giugno 2011

Milano Moda Uomo P/E 2012: la sfilata di Costume National

Il ciuffo alle ventitrè, il passo sicuro – che va a ritmo di musica-, a scandire il ritmo i battiti del rock ‘n’ roll: è proprio il Rockabilly degli anni Cinquanta il periodo a cui si è ispirato Ennio Capasa nel concepire e realizzare la collezione per la primavera/estate 2012.

 

Il mood.Un tema (il Rock’n'Roll) che ho interpretato guardando al futuro – dice lo stilista – con lavorazioni sperimentali e tecnologiche, come l’ultrasound, una tecnica laser che fonde le estremità del tessuto senza creare spessori”.

 

La collezione. Piacerà soprattutto ai più giovani, per la sua anima rock, urban (come è nello spirito del brand) e easy, o ai nostalgici di un certo sapore rock retrò. Le giacche sono destrutturate e ispirate al mondo biker, reversibili. I mix di cotone e nylon danno vita a blazer e k-way con colli piccoli, revers sottili, proporzioni ridotte. I pantaloni sono prevalentemente aderenti (skinny) o wide, e gli short sono realizzati secondo una sapiente lavorazione artigiana. Particolari i blouson corti in vita e le camicie con zip centrali e maniche raglan.

 

I colori. Nero e rosso su tutti, accompagnati da scale di grigi, fantasie check e pied de poule, e spruzzi di glitter su alcuni accessori.

 

I tessuti. Lino, cotone, lana leggera mixati a viscosa e nylon per renderli fluidi, lucidi e morbidi, pelle (di bufalo, di cervo).

 

Gli accessori. Su tutti saltano agli occhi le scarpe, declinate principalmente in due modelli, il mocassino e la derby; le calzature sono rielaborate con fondo e pare alte, e intrecci fatti a mano; i colori dominanti sono il classico nero ma anche versioni più estrose bicolore (bianco/nero, rosso/nero), senza dimenticare la variante più “estrema”, completamente rivestita di glitter. Belle le maxi bag di pelle di elefante e le cartelle a mano in pelle bicolore destrutturata.

Tutte le foto: E.Schiavon ©