Archivi tag: cinema

Appunti di stile by on 2 ottobre 2012

Il guardaroba di Mister Grey

Di “50 sfumature di grigio”, tormentone estivo letterario, ne abbiamo letto e parlato in tutti i modi e in tutte le sedi; dalle compilation, ai menù, ai libri di genere che sono stati pubblicati, ai rumors sulla trasposizione cinematografica della serie, non vi è giornale, sito, televisione in cui non se ne parli.

 

Ma se pensiamo al protagonista della trilogia, e magari in un’ottica squisitamente cinematografica e di stile, possiamo azzardare la scelta di alcuni capi nella collezione Autunno/Inverno 2012 Pal Zileri e Lab che sicuramente Mister Grey inserirebbe nel suo guardaroba. Si sa infatti che il protagonista è un giovane trentenne che ha un ottimo gusto in fatto di abiti, che ama i capi sartoriali, o che cadono perfettamente sulla silhouette.

 

Per questo abbiamo giocato a scegliere alcuni look dal catalogo Pal Zileri eleganti e raffinati per l’autunno/inverno 2012 e alcuni scatti dal catalogo Lab Pal Zileri che potrebbe vestire Christian Grey (magari anche al cinema?).

Appunti di stile by on 6 marzo 2012

“The artist”, Jean Dujardin e l’eleganza della Hollywood del muto

Le cinque statuette conquistate durante la notte degli Oscar hanno consacrato “The artist” come uno dei film dell’anno. Il bianco e il nero e il muto hanno fatto breccia negli spettatori, ma tra i meriti di questa pellicola c’è anche quello di avere fatto rifiorire la nostalgia verso lo stile e l’eleganza di una certa Hollywood, ormai perduta, ma così pronta a tornare di moda con le opportune modifiche. Il protagonista sin dal nome, George Valentin, richiama alla memoria Rodolfo Valentino, la prima star del cinema: capello tirato all’indietro, basette cortissime, viso perfettamente rasato, l’unica differenza è un sottile baffetto (alla Errol Flynn) che conferisce un aspetto più sexy e maturo.
L’abito di scena preferito è il frac nero, reso celebre da Fred Astaire, con il papillon di piquè di cotone bianco indossato sulla camicia dal collo ad aletta. Per il giorno gli abiti sono in tweed, giacche a tre bottoni o a doppiopetto, la pochette da taschino è un vezzo da dandy, l’unica svolta casual è il gilet di lana coi rombi.Si tratta di una silhouette interessante: la vita molto alta e il panciotto corto non spezzano la figura umana e la slanciano, non a caso, dopo stagioni di smilze proporzioni, molti designer stanno tornando a quella figura, ovviamente resa attuale attraverso tagli moderni e le decostruzione dei pantaloni. Alla fine del film sarà il tip tap la nuova arte che porterà alla ribalta il protagonista, così ecco le famose scarpe bicolore con le impunture a coda di rondine che saranno un must della primavera-estate alle porte. George Valentin ha il volto dell’attore francese Jean Dujarden che è arrivato agli onori della ribaltà nella maturità dei suoi 39 anni e si è imposto come icona del nuovo cinema.
Per la sua interpretazione ha vinto il Festival di Cannes, il Golden Globe e l’Oscar; sempre impeccabile sui red carpet: opta per il classico smoking con farfallino o sottile cravattino nero sulla camicia dai bottoni a scomparsa. La moda si è presto accorta del suo appeal, così ha conquistato anche le patinate riviste di tutto il mondo tra cui le copertine di “GQ Francia” e “Premiere”, un servizio su “L’uomo Vogue” con degli scatti in bianco e nero della fotografa tedesca Ellen von Unwerth. Non ci resta che attendere di sapere il brand che lo sceglierà come testimonial.